FDS MILANO
contatti

AURORA BOREALE

Federico
Maggio 6, 2020
Federico
Maggio 6, 2020
92 / 100

Dove, come e quando vederla e come fotografarla.

L'aurora boreale è uno degli spettacoli più belli che la natura ci offre; vederla è una di quelle cose da fare almeno una volta nella vita ma non pensate che sia facile!

Nel mio ultimo viaggio nel nord della Norvegia incontrai dei ragazzi che, dopo aver passato una settimana, si lamentavano di non averla mai vista. In realtà l'aurora boreale era visibile da ben tre notti di fila ma loro non sapevano come osservarla!

Con questo articolo vi dirò tutto quello che c'è da sapere per osservare le "luci del nord" in autonomia senza dover pagare centinaia di euro per tour turistici.

Aurora boreale

Cos'è l'aurora boreale?

è un fenomeno ottico dell'atmosfera terrestre caratterizzato principalmente da bande luminose di colore rosso-verde-azzurro, detti archi aurorali. L'aurora boreale è causata dall'interazione di particelle cariche (protoni ed elettroni) di origine solare (vento solare) con la ionosfera terrestre (atmosfera tra i 100–500 km): tali particelle eccitano gli atomi dell'atmosfera che diseccitandosi in seguito emettono luce di varie lunghezze d'onda. [fonte: wikipedia].

Dove è possibile vedere l'aurora boreale?

L'aurora boreale si può osservare nelle aeree vicino al polo nord (a partire dal nord della Scozia più o meno). Tuttavia vi consiglio di osservarla nelle zone sopra al circolo polare artico. I miei posti preferiti per osservarla sono le Isole Lofoten nel nord della Norvegia e il sud-est dell'Islanda nei pressi di Vìk.

Inoltre per osservarla è importante trovare un luogo lontano dall'inquinamento luminoso.

Quando è possibile vedere l'aurora boreale

L'aurora boreale è visibile da circa la metà di settembre a fine aprile. Vi consiglio il periodo tra la fine di febbraio e la fine di marzo perché ci sono già abbastanza ore di luce e il clima comincia ad essere meno rigido. L'orario migliore va dalle 21 alle 23, io raramente mi fermo dopo le 24 e 30.

Tuttavia osservare l'aurora boreale non è solo questione di orario ma soprattutto di meteo! La condizione fondamentale è che il cielo non sia coperto dalle nuvole perché in tal caso non è possibile osservare questo fenomeno. Una condizione ancora più favorevole è quando c'è poca luna: più il cielo e buio e più sarà visibile.

Fotografare l'aurora boreale

Cosa serve

Per fotografare l'aurora boreale vi servirà:

  • macchina fotografica (il cellulare non basta...)
  • buon treppiede. Tenete conto che dovrete fare delle lunghe esposizioni e al nord spesso il vento è forte; quindi un treppiede che regga il vento è fondamentale per non fare foto mosse.
  • grandangolo (un 14mm sarebbe perfetto, comunque non andrei oltre il 35mm). I grandangoli con un diaframma aperto (1.8/2.8) sono i migliori.
  • telecomando per scattare in remoto. Se non ne avete uno potete usare anche la funzione autoscatto, l'importante è che non premiate il pulsante di scatto della macchina fotografica per non far venire la foto mossa.

Nel mio ultimo viaggio in Norvegia ho utilizzato una sony a7r iv e un sony 16-35 f2.8 gm. Questa attrezzatura è ottima ma molto costosa, se avete intenzione di comprare della nuova attrezzatura stando su budget più bassi vi posso consigliare la sony a7 iii con il samyang 14mm f2.8 che ho utilizzato l'anno scorso in Islanda ottenendo buoni risultati.

Per fotografare l'aurora boreale è importante anche scegliere l'abbigliamento giusto e non sottovalutare il freddo! Questo perché per non perdervela dovrete stare fuori (vedo sempre gente che sta in macchina per evitare il freddo e si perde i momenti migliori). Vi consiglio di leggere anche questo articolo in cui elenco cosa porto durante i miei viaggi.

aurora boreale

Come settare la macchina fotografica

L'aurora boreale è un fenomeno visibile soltanto di notte e quindi è necessario fare delle lunghe esposizioni (scatti della durata di alcuni secondi).

Tenete conto che l'aurora boreale si muove e quindi meno durerà lo scatto e più la sua forma sarà definita. Con 30 sec di scatto ad esempio probabilmente il cielo sarà tutto verde e la foto non mostrerà la forma dell'aurora.

Io consiglio di stare tra gli 8 e i 5 secondi per aurore di buona intensità e di arrivare ai 15-20 secondi per quelle meno forti in modo da "riempire il cielo"

Esempio 1: foto in cui l'aurora boreale ha una forte intensità.

aurora boreale
sony a7r iv+sony 16-35 gm

In questo caso l'aurora boreale aveva una forte intensità e quindi ho deciso di stare sui 5 secondi in modo da rendere ben definita la sua forma.

Dati di scatto:

  • tempo di scatto: 4 secondi
  • diaframma: f2.8. ho tenuto il diaframma più aperto possibile in modo da non dover alzare eccessivamente gli iso (più si alzano gli iso e più la foto verrà "rumorosa").
  • manual focus: si può provare a mettere a fuoco in automatico puntando su una stella particolarmente luminosa ma è difficile ottenere una foto ben a fuoco.
  • iso 800.

Esempio 2: foto in cui l'aurora boreale ha una bassa intensità.

aurora boreale
sony a7 iii+samyang 14mm af

In questo caso l'aurora boreale non era ben definita e forte e non aveva una bella forma. Allora ho deciso di utilizzare tempi di scatto più lunghi per renderla più ampia: infatti l'aurora boreale si muove e più lo scatto è lungo e più essa avrà occupato aeree del cielo.

Tenete conto che in base alla situazione potrebbe essere necessario fare più scatti e unirli in seguito tramite photoshop o lightroom. Queste tuttavia sono tecniche di scatto più avanzate ed è necessario avere più esperienza e capacità tecniche. (l'esempio è il risultato di due scatti ad esempio... uno per il cielo e uno per la parte bassa).

Postproduzione

aurora boreale

Per quanto riguarda la postproduzione vi consiglio di leggere questo articolo.

Le modifiche principali che faccio nelle foto delle aurore boreali riguardano:

  • bilanciamento dei colori: preferisco dare un tono più freddo; quindi abbasso la temperatura e alzo la tinta verso il viola.
  • alzare i bianchi è fondamentale per far emergere l'aurora boreale ma attenzione a non bruciare troppo le aeree più luminose! in quel caso agisco con il pennello
  • alzo la chiarezza e la nitidezza con la sfumatura lineare per definire le stelle
  • se il terreno è bello alzo le ombre e utilizzo la sfumatura lineare dal basso verso l'alto.
aurora boreale
modifiche di base
aurora boreale
sfumatura lineare per definire le stelle
aurora boreale
sfumatura lineare per mostrare di più il terreno

Questo è tutto quello che c'è da sapere per vedere e fotografare l'aurora boreale! Vi voglio dare un ultimo consiglio però... spesso al nord in inverno il meteo non è sereno e ci sono intere settimane in cui il cielo è coperto; quindi per non perdervi l'aurora boreale vi consiglio di stare almeno 15 giorni.

Nel caso aveste delle domande non esitare a scriverci nei commenti o a contattarci su instagram o per mail!

Un caro saluto,

Federico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

envelopeeyecameracartphone-handsetbubblechart-barsrocketlayers